Diari di viaggio in bicicletta


MezzogiroItalia, bellissima ma non è ancora un paese per cicloturisti

19 Maggio 2024

Domenica 12 maggio è terminato il mio mezzo giro d'Italia. E' il momento di bilanci ma innanzitutto dei ringraziamenti. Procedo in ordine cronologico, chiedo scusa anticipatamente per chi dimenticherò di citare, non me ne vogliate.

Grazie a Lei, alla mia bici, che si è comportata egregiamente grazie agli interventi di potenziamento di Franco F. e di manutenzione meccanica di Alberto A., senza il minimo cedimento. 

Grazie agli amici di Bici&Dintorni, che mi hanno supportata a distanza in tanti modi e sopportando la mia assenza.

Grazie a Federico O. di TirrenicaZERO, per il fondamentale contributo informativo nella definizione e mappatura del percorso lungo la ciclovia Tirrenica.

Grazie agli amici di Fiab Tigullio e a Franca M. di B&D per avermi accompagnata e suggerito tracciati alternativi ed ospitata nelle prime tappe Liguri.

Grazie a Franca e Filippo che da Vicenza con il loro camper mi hanno accompagnata nel passaggio dalla Toscana al Lazio, da Capalbio a Tarquinia e pedalato insieme fino a Civitavecchia.

Grazie a tutti i gruppi e volontari Emergency che mi hanno accolta, ospitata, nutrita e incoraggiata a Genova, Livorno, Anzio, Ortona, Pescara, Ravenna e Forlì, Ferrara, Piacenza e San Rocco al Porto (LO), Pavia, Vercelli, con la regia di Chiara L. coordinatrice di area Piemonte e naturalmente del gruppo di Torino.

Last but not least GRAZIE a tutti voi, anonimi e non, che avete donato con generosità alla raccolta fondi Bicitalia for Life Support oltre 2500€,  consentendomi di raggiungere anche l'obiettivo solidale di questo progetto cicloturistico che, ho voluto dedicare a Michele, nostro indimenticato amico socio capogita ed infaticabile volontario.


In sintesi, ce l'ho fatta a realizzare il mio sogno, è andato tutto benissimo a partire dalla scelta del periodo di bassa stagione ideale per attraversare litorali liberi dalle orde di vacanzieri estivi che ha donato un fascino particolare a luoghi altrimenti sotto assedio. Ho attraversato le 9 regioni come da programma; delle 36 tappe, 3 causa maltempo, non sono state pedalate, ma sostituite con intermodalità. In totale ho percorso 2211km con un dislivello positivo totale di 10600metri in 41 giorni. Sostanzialmente ho seguito i tracciati gpx ricavati dal sito Bicitalia.org per la Ciclovia Tirrenica da Ventimiglia a Civitavecchia, con alcune importanti varianti in Liguria suggerite da Giorgio Ceccarelli e altre ricavate dal sito TirrenicaZERO per il resto del Lazio fino a Formia, per la Ciclovia Adriatica da Vasto(CH) a Marina di Ravenna, per la Ciclovia del Po da Bondeno a Pavia. La traversata da Formia a Vasto ex Ciclovia dei Tratturi su Eurovelo5 sostanzialmente su ex strade statali declassate come la SP9 Nunziata Lunga da san Pietro Infine a Venafro.

Diciamo che le ciclovie suddette esistono sulla carta, pochissime indicazioni, non esistono siti o app dedicate e se non si utilizza un navigatore o lettore di gpx difficile districarsi, molti lavori in corso e cancelli o deviazioni non segnalate, con rischio serio di finire su Aurelia o SS16 Adriatica. 

Comunque tra Tirrenica e Adriatica vince Adriatica 1-0 per merito esclusivo della costa abruzzese.

Ho visto paesaggi e luoghi che non conoscevo che mi hanno emozionata moltissimo, ne segnalo uno per ogni regione assolutamente non esaustivi.

In Liguria la discesa da Montemarcello (SP) a Bocca di Magra che segna confine tra Liguria e Toscana, spettacolare vista e “voltato l'angolo” cambia totalmente il paesaggio, dalle scogliere liguri alle spiagge piatte e sabbiose di Carrara sotto le Apuane.

Toscana l’arrivo in bici in piazza dei Miracoli, da sballo, poi la ciclabile dell'Arno fino a Marina di Pisa. Stazioni moderne con rampe d'accesso ai binari e marciapiedi rialzati, come a Donoratico.

Lazio dal canale Mussolini al Circeo non ci sono ciclabili ma quella sottile striscia di asfalto di 25 km che conduce a Sabaudia e poi la Riviera di Ulisse e la montagna spaccata a Gaeta.

KM1000 al km 16 della exS430 nel passaggio da Lazio a Molise nel territorio di Rocca d'Evandro (illustrazione 1)

Molise Nunziata Lunga SP9 campana, percorso bellissimo nella prima metà fino a Venafro, completamente sola su questa bella strada panoramica che segna il confine tra Campania e Molise. Non ho incontrato nessuno, una sola auto negli 8 km di salita. fine tappa a Isernia dopo 47 km e 888 metri di dislivello positivo. Sono già soddisfatta così, anche se l’indomani ho rinunciato alla salita ad Agnone (causa freddo e neve) e la successiva discesa al mare Adriatico, fatta in bus. 

Abruzzo Punta Aderci e ciclabile Trabocchi da Ortona a Giulianova. La felicità: 50 km su una ciclovia veramente degna di questo nome. Il collegamento da Casalbordino a Giulianova e oltre, tutto lungomare, avviene senza soluzione di continuità, poca segnaletica verticale, ma tutta segnalata a terra con l'orizzontale, 3/4 ponti stratosferici, in primis il Ponte del mare di Pescara. Riserve naturali, dune e passeggiate lungomare ciclabili. 

Marche Pedalate a pelo d'acqua e SP44 Strada Panoramica Monte San Bartolo, da Pesaro a Gabicce.

Emilia-Romagna laguna di Comacchio dopo le Piallasse di Ravenna. KM 1500 a Rimini (Illustrazione 2)

Lombardia la ciclovia del Po da Mantova a Cremona, l'argine è una autostrada. KM2000 Pavia (Illustrazione 3)

e per finire AIDA da Vercelli a Torino resta la migliore, forse perchè nata dal basso.


 

Link a tutte le foto articolo estense.com Allegato


Diario di viaggio Dai Dauni alla Capitanata

09 Settembre 2020

Nella settimana dal 30 agosto al 5 settembre si è svolto il biciviaggio condotto da Mario Agnese di 7 tappe nella Puglia foggiana. Oltre al programma ed agli spunti di visita del territorio che trovate nel pdf allegato, nella sezione Media ci sono anche i filmati delle 7 tappe girati da Marco, uno dei 13 partecipanti, con la sua GoPro=godibilissimi. Buona lettura e buona visione.

Galleria video Allegato


Le tre città col Tricolore alla fine della Grande Guerra

13 Gennaio 2019

Non un diario di viaggio ma una documentazione storica a cura di Giancarlo Cochis della gita di Mario Agnese al centenario della fine della I Guerra Mondiale, con tutti i suoi effetti devastanti. di Mario Agnese e Giancarlo Cochis

Scarica PDF Guarda le foto


Cicloviaggi 2014

01 Ottobre 2014

Quest’anno, per le mie ciclovacanze, ho privilegiato l’ Italia, a parte le 2 tappe in Carinzia della ciclovia Alpe Adria. L’anno scorso, dopo la mitica Avenue Verte Parigi-Londra, in me era cresciuto l’interesse per scoprire analoghe soluzioni su itinerari di lungo respiro anche da noi in Italia. Itinerari a confronto delle 3 ciclo-vacanze di Laura B.

Scarica PDF Guarda le foto della Sicilia Foto Alpe Adria Foto Tour Salento


Ciclovia Alpe Adria - Da Salisburgo a Grado

02 Agosto 2014

Il treno parte puntuale alle ore 7,30 da Porta Nuova. A Verona, Stazione Porta Nuova, si cambia per Innsbruk. Da qui ancora un cambio per Salisburgo dove arriviamo alle ore 16,58 in perfetto orario. Diario di viaggio a cura di Rodolfo Brolese

Scarica PDF Guarda le foto di Laura


Ciclovacanza a Matera e in Salento

25 Aprile 2014

Ad accoglierci la pioggia. Anche se il nostro albergo si trova a soli 500 metri preferiamo prendere il taxi. Usciamo subito alla scoperta di questo territorio: Matera e le sue “pietre”. Anziché sovrapporre pietra su pietra per edificare qui si ricavò nella terra le forme delle case e delle chiese scavate nella roccia come vere e proprie costruzioni. Diario di viaggio a cura di Rodolfo Brolese.

Scarica PDF Guarda le foto di Laura


Il cuore tra il Po e l' Appennino - Ciclovacanza del Gruppo Over

07 Aprile 2014

In treno raggiungiamo Piacenza da dove inizia e si conclude la nostra ciclo vacanza. Il pomeriggio è dedicato ad un primo contatto con il Po e a seguire la visita al centro storico (chiese e monumenti),che conserva intatto l’originario impianto a scacchiera. Nel Medio Evo vennero eletti i simboli del potere pubblico: Palazzo Comunale , piazza Grande, Palazzo Farnese a cura di Claudia Filippi

Scarica PDF


Amuninne..... Ciclovacanza in Sicilia Occidentale

01 Settembre 2013

La Sicilia nel cuore. Resoconto di viaggio a cura di Laura.

Scarica PDF Guarda le foto


L’ Avenue Verte: Paris – Londres à vélo

20 Luglio 2013

Piccolo gruppo per 2 capitali. Diario di viaggio a cura di Rodolfo.

Scarica PDF Guarda le foto di Laura


Da Ferrara a Ravenna e il Delta del grande fiume

13 Aprile 2013

Diario di viaggio della mini-ciclovacanza nel Delta del Po, a cura di Rodolfo Brolese

Scarica il PDF Guarda le foto di Laura


Dalla città al mare

14 Settembre 2012

Diario di viaggio della 3 giorni da Torino ad Albisola a cura di Rodolfo

Scarica il PDF Guarda le foto di Laura


La ciclovacanza da Chambery a Strasburgo

12 Agosto 2012

Lo stare in coda al gruppo, mi ha permesso di andare più lentamente e di fermarmi più spesso, ho così avuto modo di apprezzare maggiormente i paesaggi e fare tante foto. Ne ho scattate quasi 1500 e salvate poco più di 900. di Laura Bertinetti

Scarica PDF Guarda le foto


Ciclovacanza da Chambery a Strasburgo

12 Agosto 2012

Nel 2011, quando gli alberi ormai erano spogli e le temperature con pochi gradi sopra lo zero, si decise di trascorrere la futura vacanza estiva in sella alle nostre biciclette e, tra le varie proposte, veniva scelto un percorso “Europeo”. Ovvero pedalare toccando più nazioni europee. Un impegnativo e bellissimo progetto. La meta è stata subito individuata: Strasburgo. di Rodolfo Brolese

Scarica PDF Album foto


Dalle sorgenti al Delta del Po

01 Agosto 2009

I protagonisti sono due biciclette e due pedalatori. C’è un ulteriore protagonista che scorre lento e silenzioso: il Po, un fiume che prima di giungere al nome attuale ha avuto diversi passaggi: Eridanus, Padus, Eridano ed infine Po. Non sappiamo se la successione dei nomi sia corretta, in ogni caso i passaggi sono stati questi. Il PO è stato accompagnato, dai nostri eroi, lungo tutto il suo percorso da Pian del RE sino a Gorino sul ramo del delta detto Po di Goro. di Enrico e Pietrangelo

Scarica PDF


Piccole città dalla via Emilia all’ est Un omaggio a Francesco Guccini

11 Giugno 2009

Un viaggio in bicicletta non è un viaggio e basta, è conoscersi, sapere quali sono i propri limiti e arrivare insieme alla meta. Qualcuno si attarderà sulle salite, qualcuno nel visitare un monumento, qualcuno sotto le lenzuola, o per gustarsi un gelato o una birra. Tanto poi a Rimini il mare ci accoglierà tutti. di Mario Agnese

Scarica PDF


Card image

Weekend in bici


iscriviti-bici-dintorni
newsletter-bici-dintorni

Prossime gite



sab

06 lug

La mia Via Silente alla scoperta delle Alpi Biellesi
Partendo da Biella andremo alla scoperta dell'oasi Zegna. Immersi nel .......

sab

13 lug

Tra la val Susa e la valle di Viù
Strada prima asfaltata per un tratto poi sterrata su strada carrozzabi.......

sab

20 lug

Giornata nazionale Ferrovie non dimenticate: La ferrovia Ceva - Ormea: il museo ferroviario e la Svizzera -mare
useremo ancora la bici piuttosto che il treno storico per visitare a N.......


Card image

Ciclovacanze


iscriviti-bici-dintorni
newsletter-bici-dintorni

Post in evidenza


Eventi ToRide
Sotto questa Mole è bello pedalare.....E' il claim di questa campagna del Comune di Torino, aspettando il 1° luglio l'arrivo del.......

AVVISO - Sede chiusa per Tour à Turin
In occasione degli eventi collaterali all'arrivo del Tour de France a Torino Venerdì 28 giugno saremo presenti al Motovelodromo F.......

Andiamo a votare in bici
Sabato e domenica prossimi in Piemonte si voterà anche per le elezioni regionali. Se ancora avete indecisioni sulla scelta della .......