Manuale del ciclista urbano

01 Gennaio 2018

Manuale del ciclista urbano

Vi proponiamo alcuni passi tratti da "Il manuale del ciclista urbano" pubblicazione realizzata da FIAB Torino Bici & Dintorni. Il manuale è rivolto a tutti i ciclisti urbani per aiutarli ad affrontare il traffico di Torino in modo piacevole, inoltre, un contributo per rendere la nostra città più civile e vivibile per tutti. Il ciclismo urbano: una rivoluzione silenziosa e civile "Sono sempre di più le persone che scelgono la bicicletta per spostarsi in città. La bici è di moda, ed è sempre più presente nelle pubblicità (perfino in quelle delle automobili!) perché promuove un'immagine giovanile e positiva. Torino ha le caratteristiche giuste per favorire i ciclisti: è quasi tutta in piano, ha strade ampie, numerosi assi portanti dotati di controviali per separare il traffico veloce da quello più lento. Il clima in inverno è freddo, ma meno che nel Nord Europa dove anche gli anziani usano la bici tutto l’anno. Però spostarsi in bici a Torino non è semplice: Nelle città europee (Parigi, Berlino, Amsterdam, Copenaghen e tantissime altre) le ciclabili sono collocate a destra della carreggiata, contigue ai marciapiedi. Sono state progettate così per favorire l'uso della bici e per ridurre l'inquinamento e l'uso delle automobili (con relativa occupazione di spazi nelle strade per i parcheggi). A Torino, invece, il criterio di progettazione prevalente è sempre stato quello di non eliminare i parcheggi. Quindi le ciclabili di Torino sono collocate in prevalenza tra viali e controviali, oppure sui marciapiedi, e in molti casi si interrompono in corrispondenza degli incroci. Ciò le rende pericolose. Le ciclabili esistenti stanno andando in rovina, sono piene di buche e richiedono l’uso di bici ammortizzate per non rompersi la schiena. Semplicemente, non viene fatta la manutenzione. Come risultato, attraversare Torino in bici nei tragitti Nord-Sud o Est-Ovest continua ad essere rischioso, se si è distanti dalle ciclabili del Po e della Dora. Le zone 30, che costerebbero poco, non vengono fatte (l’unica a Torino risale al 2008). Anche se è dimostrato che riducono gli incidenti per tutti. L'intermodalità (la possibilità di trasportare le bici su mezzi pubblici come metro e treni, per le lunghe distanze) è scoraggiata. Non esistono neppure parcheggi per bici in prossimità delle stazioni ferroviarie. Esiste un Biciplan creato dal comune, ricco di buone intenzioni, ma purtroppo fermo sulla carta. Il cammino da fare per diventare una città più ecosostenibile è lungo, ma noi siamo determinati a incalzare le amministrazioni pubbliche per raggiungere l'obiettivo: "più ciclisti, più sicuri". Per fare questo abbiamo bisogno del sostegno di tutti voi, quindi associatevi, più saremo, più conteremo.


Scarica il manuale



Potrebbe interessarti anche...


#IOrispettoilciclista bici &Dintorni

#IOrispettoilciclista
18 Luglio 2020

L'ultima impresa di Paola Gianotti: 1500 chilometri, 80 comuni e 500 cartelli per la sicurezza stradale: sabato 18 luglio ha ultimato il suo.......


Casco obbligatorio? Non è una buona idea. bici &Dintorni

Casco obbligatorio? Non è una buona idea.
02 Gennaio 2018

Ogni tanto qualcuno lo propone. Ma non funziona, come dimostra uno studio svedese che porta i risultati dell’introduzione del casco obblig.......


Manuale del ciclista urbano bici &Dintorni

Manuale del ciclista urbano
01 Gennaio 2018

Vi proponiamo alcuni passi tratti da "Il manuale del ciclista urbano" pubblicazione realizzata da FIAB Torino Bici & Dintorni. Il manual.......


Sicurezza in bici bici &Dintorni

Sicurezza in bici
16 Gennaio 2017

La sicurezza ha diversi aspetti. Sicurezza delle persone FIAB (la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, di cui facciamo parte) distin.......




Post in evidenza


AUGURI. 2021 e Recovery Fund con la guida ECF per investire fondi nella ciclabilità.
Nell'impossibilità di scambiarci gli AUGURI personalmente ed in modo tradizionale, vogliamo trasmetterVi tutto l'entusiasmo e l'e.......

10 motivi per non vietare l'attività fisica all'aria aperta
Articolo di Omar Gatti, laureato in scienze motorie e Direttore della scuola di formazione di Bikeitalia, che da anni studia gli e.......

Uscite in bici in fascia rossa-arancione o gialla
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo DPCM valido da sabato 16 gennaio a venerdì 5 marzo, si ripropone l'annosa qu.......



Eventi


Hai voluto la bicicletta? E adesso PEDALA!
Arriva la SEMS 2019 e noi anticipiamoSabato 14 settembre ore 17.Un pomeriggio organizzato da Binaria e Fiab Torino Bici e Dintorni.......

BICICLET-TO La pedalata di Primavera di Eataly
Appuntamento in Piazza San Carlo alle ore 9.30 (partenza ore 10) con Fiab Torino Bici&Dintorni per la pedalata di Eataly. Riti.......

Bella Festa! Rivediamoci
Sul nostro canale youtube, sono pubblicati 2 video curati dal nostro amico Marino; il primo della durata di 22 minuti circa raccon.......


Card image

Weekend in bici


Iniziative


SEMS 2020 - Inaugurazione via Nizza riqualificata. RINVIATA a data da definire
Ore 12 ritrovo via Nizza angolo Corso Sommelier per inaugurazione via Nizza con taglio del nastro e banda Musicale GTT........

Bicicletta che passione: sulle tracce di Antonelli!
Appuntamento a Torino mercoledì 3 ottobre 2018 con gli studenti e gli insegnanti del Liceo Artistico “F. Casorati” di Novara .......

Settimana eco-ciclabile alla Scuola Media Anna Frank
Al via la settimana dedicata ai cittadini di domani (16-20 aprile). Inizia la collaborazione di Fiab Torino Bici&Dintorni con .......


Card image

Ciclovacanze


Notizie


Quest’inverno non perdiamoci di vista
Bici&Dintorni non si ferma mai. Con l’arrivo dell’ora solare termina anche la stagione delle gite giornaliere, l’ultima .......

Uscite in bici in fascia rossa-arancione o gialla
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo DPCM valido da sabato 16 gennaio a venerdì 5 marzo, si ripropone l'annosa qu.......

10 motivi per non vietare l'attività fisica all'aria aperta
Articolo di Omar Gatti, laureato in scienze motorie e Direttore della scuola di formazione di Bikeitalia, che da anni studia gli e.......